Archivio della categoria: ARTI

«Il teatro non è indispensabile. Serve ad attraversare le frontiere fra te e me…» (Jerzy Grotowski)

Jerzy Grotowski (1933-1999) ha elaborato una tecnica di allenamento per attori veramente straordinaria e rivoluzionaria nell’avanguardia teatrale del 900. Mi ha colpito leggere alcuni suoi scritti perché penso che “l’abbandono delle maschere” e “il coraggio di rivelare se stessi” a

«Il teatro non è indispensabile. Serve ad attraversare le frontiere fra te e me…» (Jerzy Grotowski)

Jerzy Grotowski (1933-1999) ha elaborato una tecnica di allenamento per attori veramente straordinaria e rivoluzionaria nell’avanguardia teatrale del 900. Mi ha colpito leggere alcuni suoi scritti perché penso che “l’abbandono delle maschere” e “il coraggio di rivelare se stessi” a

i 3 corpi: dialogo notturno sui massimi sistemi tra Einstein e Picasso

Il Dialogo sui massimi sistemi (Tolemaico – Sole intorno alla Terra e Copernicano – Terra intorno al Sole) è l’opera più famosa scritta da Galileo e pubblicata nel 1632; invita ad una felice disposizione del ragionamento: non avere una fiducia

i 3 corpi: dialogo notturno sui massimi sistemi tra Einstein e Picasso

Il Dialogo sui massimi sistemi (Tolemaico – Sole intorno alla Terra e Copernicano – Terra intorno al Sole) è l’opera più famosa scritta da Galileo e pubblicata nel 1632; invita ad una felice disposizione del ragionamento: non avere una fiducia

«La verità era uno specchio che cadendo dal cielo si ruppe…» (Mevlana Rumi)

L’etimologia della parola “maschera” forse deriva dal latino masca(m) cioè “strega”. Persona è il termine che in origine indicava la maschera teatrale. Il tempo ha trasformato la persona prima in personaggio e poi in individuo. La maschera è quindi lo

«La verità era uno specchio che cadendo dal cielo si ruppe…» (Mevlana Rumi)

L’etimologia della parola “maschera” forse deriva dal latino masca(m) cioè “strega”. Persona è il termine che in origine indicava la maschera teatrale. Il tempo ha trasformato la persona prima in personaggio e poi in individuo. La maschera è quindi lo

«Le cose d’arte sono specchi nei quali ognuno vede ciò che gli somiglia» (Constantin Brâncuşi)

Brâncuşi (19 febbraio 1876 – 16 marzo 1957) è cresciuto in un villaggio nei Carpazi, in Romania, una zona isolata e nota per la sua ricca tradizione di artigianato popolare, in particolare sculture in legno ornato. Semplici modelli geometrici che

«Le cose d’arte sono specchi nei quali ognuno vede ciò che gli somiglia» (Constantin Brâncuşi)

Brâncuşi (19 febbraio 1876 – 16 marzo 1957) è cresciuto in un villaggio nei Carpazi, in Romania, una zona isolata e nota per la sua ricca tradizione di artigianato popolare, in particolare sculture in legno ornato. Semplici modelli geometrici che

Daikichi Amano e le sue immagini di primavera

Daikichi (1973 vive e lavora a Tokyo) è famoso in certi ambienti per le sue foto con cefalopodi. Pare che questo feticismo bizzarro nasca dalle leggi giapponesi sulla censura che vietano di rappresentare i genitali maschili. Daikichi ha un proprio

Daikichi Amano e le sue immagini di primavera

Daikichi (1973 vive e lavora a Tokyo) è famoso in certi ambienti per le sue foto con cefalopodi. Pare che questo feticismo bizzarro nasca dalle leggi giapponesi sulla censura che vietano di rappresentare i genitali maschili. Daikichi ha un proprio