Nautilus (Collezione 2010)

La conchiglia Nautilus cresce durante tutta la sua vita. Le cavità del suo corpo sono simboli delle fasi che ogni individuo attraversa nel corso dell’esistenza: cambiamento, trasformazione, rinnovamento nel tempo, proprio come il Nautilus che si espande progressivamente. Si tratta di un lavoro artigianale: il valore del gioiello risiede nella lavorazione, più che nel costo dei materiali. Le pietre vengono selezionate sulla base dei colori, che sono cangianti, mutevoli, sfuggenti, sfumati. Colori di confine: grigio-azzurro, rosa-grigio, blu-viola. Trasparenze e opacità: niente è mai veramente trasparente e niente ha mai un colore definito. Il colore della pietra cambia con il cambiare della luce e con la differenza delle percezioni di chi la guarda. La materia sembra liquida, come l’acqua del mare, che assume la forma di ciò che, temporaneamente, la contiene. La fluidità è il pensiero dominante, il passare di una cosa in un’altra, l’imperfezione, il cambiamento; come il passaggio dell’acqua nelle membrane della conchiglia Nautilus. L’indefinibile fluttuare dell’acqua si declina nell’incontro con il rigore dei classici della gioielleria eseguiti a regola d’arte: il solitario, il filo di perle, il cinque castoni, la fede nuziale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: